70° anniversario della Liberazione “Sola strada era la Resistenza”

· Eventi / News

Ogni figura accademica che si cimenta nella ricerca, siano essi dottorandi, ricercatori o docenti, svolge quotidianamente un processo di revisione delle teorie proposte, dei risultati ottenuti e della conoscenza acquisita nel tempo. Un processo critico costruttivo, che rifiuta i dogmi e le verità calate dall’alto, fondamentale per il progresso scientifico dell’umanità. Perché alla fine dei conti, per chi fa ricerca, revisionare significa offrire una conoscenza critica, aggiornata, utile a tutti per superare le sfide e i problemi che si presentano davanti.

Tuttavia, oggi è in corso un’altra revisione, contraria ad ogni tipo di “evidenza storica”, orientata ad alimentare odio e discriminazione. Un processo di distorsione e mistificazione della storia del nostro Paese che vuole cancellare la memoria della Resistenza. Un tipo di revisione che non ci appartiene, che non deve trovare cittadinanza nella nostra università, che bisogna rifiutare e combattere.

A 70 anni di distanza dalla caduta del nazifascismo e dalla Liberazione è necessaria una riflessione collettiva sul ruolo dell’Università nella difesa e pratica dei valori dell’antifascismo, valori che hanno ispirato la Costituzione repubblicana. Bisogna essere chiari e netti su cos’è stato e cos’è il 25 Aprile e non possiamo celebrare, immaginare, parlare e discutere della Resistenza senza parlare di antifascismo. Non possiamo dimenticare il rifiuto del regime fascista da parte di tantissimi intellettuali e scienziati, pagato con l’esilio, con il confino, con la prigionia e con la vita. Dobbiamo restituire alla memoria della collettività accademica l’espressione di questo rifiuto, l’Antimanifesto, il Manifesto degli Intellettuali Antifascisti, pubblicato su Il Mondo, il 1° Maggio 1925.

Antifascisti ieri contro l’oppressione, la violenza e l’imposizione di giurare fedeltà al regime, per senso del dovere di chi riconosce la libertà come fondamento del lavoro e dei rapporti di uguaglianza tra gli esseri umani. E oggi? Cosa significa? Come si pratica?
Come scrive C. Raimo:

Antifascismo è una parola importante perché un termine che ha un senso per il presente, un concetto pieno, rotondo, che esiste da più di un secolo e che indica una certa idea di mondo, in antitesi a tutte quelle idee che invece ritengono che questi, della tutela della libertà, della difesa delle minoranze, o del senso di giustizia contro gli oppressori, non siano dei valori condivisi. Se c’è il fascismo – e c’è il fascismo – combattere contro questo vuol dire essere antifascisti, nonostante non ci sia più un duce che si affacci sui balconi o mandi al confino i dissidenti.

Parlare e rigettare tanto le idee di oppressione, quanto quelle d’indifferenza verso il 25 Aprile, questo vuol dire oggi essere antifascisti.

Ecco, oggi studenti, dottorandi, ricercatori e docenti che vivono l’Università di Bari devono assumersi questo dovere: non soltanto celebrare, ma anche praticare l’antifascismo. Assumersi la responsabilità che l’unica strada che può portarci ad avere una società equa e socialmente giusta è opposta a quella di chi vuole sollevare nuovi confini tra l’Italia e il Mediterraneo.

Oggi viviamo sempre più nella condizione in cui sono i confini ad attraversare l’umanità, le famiglie e le nostre vite. Non possiamo permetterci più di confinare ed essere confinati, ma dobbiamo continuare quel cammino che molti partigiani hanno percorso sulle montagne e nelle valli per liberare l’Italia. L’unico cammino permesso, che non ammette revisioni distorte e non concede spazio a chi dice che non ha più senso essere antifascisti oggi, l’unica strada possibile, quella della Resistenza.

L’ADI Bari aderisce alle iniziative promosse da Link Bari, Uds Bari, Rete della Conoscenza, Zona Franka, celebrando il 25 Aprile.

Link Bari – facebook
Zona Franka – facebook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: